Readers rides: CX500 by AW Classic Motors


Albert Weishäupl's 1978 CX500 - AW Classic Motors, Austria


It all began when I wanted to perform some minor changes on my original 1978 Honda CX 500. I kept this bike for every day use because it was nice to ride, durable, and had certain technical features that had been quite innovative in the time when it had been developed. So, to make that “maggot” or, as nicknamed in my mother tongue, “Güllepumpe” (German for “manure pump”) a little bit more handsome, I thought, I would just change the handle bars, the mirrors, and the turn signals. By the time I finished the modifications, I realized that by far that was not enough for my taste. I developed the idea to build a café racer to turn the ugly duckling into a beautiful swan. On this occasion, I performed a complete engine overhaul, but also some modifications: I installed new original Honda oversize pistons and grinded the camshaft for more cylinder capacity and a better valve timing. I also built a new starter battery consisting of separate LiFePO4 cells. The decision for a red frame was clear from the very beginning, but for the colours of the other parts of the bike, I had to spend an entire day sitting in front of my bike focussing it. Then I had the vision of that classic combination of silver and black, forming a perfect contrast to the eye-catching red. To give a clean look to the rear part of the frame, I installed the electrics under the seat. I like the look of the classic bikes with their clean lines, reduced to the essentials! At the moment, I am working on other exciting projects and I have made plans for many more”. 


"Tutto è iniziato quando ho voluto fare alcune piccole modifiche alla mia Honda CX 500 originale del 1978. Tenevo questa moto per tutti i giorni perché era piacevole da guidare, resistente, e aveva alcune caratteristiche tecniche che all'epoca del suo lancio erano assolutamente innovative. Così, per migliorare un po' il mio "verme" o, come è soprannominato nella mia lingua "Güllepumpe" (tedesco per "pompa di letame"), ho pensato: vorrei solo cambiare il manubrio, gli specchietti, e gli indicatori di direzione. Subito dopo averlo fatto, mi sono reso conto che non era affatto abbastanza per i miei gusti. Ho sviluppato l'idea di costruire una café racer e di trasformare il brutto anatroccolo in uno splendido cigno. Con l'occasione, ho eseguito una revisione completa del motore, ma anche alcune modifiche: ho installato nuovi pistoni oversize originali Honda e rettificato l'albero a camme per incrementare cilindrata e migliorare la fasatura. Ho anche realizzato una nuova batteria con cellule LiFePO4 separate. L'idea di verniciare il telaio di rosso è stata chiara fin dall'inizio, ma per i colori della carrozzeria ho passato un giorno intero seduto a fissare la mia moto. Poi ho avuto la visione di quella classica combinazione di argento e nero che forma un perfetto contrasto con il rosso del telaio. Per conferire un aspetto pulito alla parte posteriore del telaio, ho installato l'impianto elettrico sotto la sella. Mi piace il look delle moto classiche con le loro linee pulite, ridotte all'essenziale! In questo momento, sto lavorando su altri progetti interessanti e ne ho pianificati molti altri ".








Share this:

ABOUTINAZUMA CAFE

You are reading Inazuma Cafe: probably the best Italian, English speaking, custom/caferacer motorcycles' website. / Siete all'Inazuma Café: probabilmente il miglior sito italiano, anche in lingua inglese, in materia di moto custom/caferacer.

JOIN CONVERSATION

    Blogger Comment

0 comments:

Post a Comment

Unsigned comments will be removed / I commenti non firmati saranno rimossi.