The Dark Racer by Espiat


Daniel Schuh is back with a dark XJR1200 custom racer... One of the Inazuma's favorites

That's how daniel describes his build. "The concept was clear – it was to be black and flat. Otherwise the bike is difficult to put into a category: sprint racer, dragster, cafe racer, cafe bobber? None really fit – it very much has its own style. With this conversion, too, it is easy to recognise the hand of the designer. Reduced look, no "bling bling"; only what needs to be changed is changed. The basic character of the XJR remains despite extensive work on the body. However, the Yamaha ends up looking much sleeker. Now the machine is visually also a perfect muscle bike. Admittedly it is not exactly comfortable, but it's just fun to open the throttle on this bike and to hear the 1200 cc roar – the sound is indescribable, guaranteed to give you goosebumps! Black, wide, powerful! A flat, elongated, dragster-like seating position was to be achieved. Thanks to 3cm shorter struts and a flat seat with ultra-reduced rear fender the desired line was successfully implemented. The rear frame had to be massively shortened in order to be able to implement the fender look of the rear. The front fairing, with a shift to fork protectors, visually pulls the weight forwards. Mini LED indicators were directly integrated into the frame and practically completely disappear. The stub handlebars of a Suzuki GSF650 Bandit were extended by 100mm and adjusted. A Koso DB-01 speedometer replaces the original instruments. The XJR is fitted with the high-quality Metzeler Sportec M7 RR tyres – characterised by super grip and relatively low wear. #27 number plates are naturally not to be forgotten in my conversions. A slick, high gloss black is used as a lacquer. An overall weight reduction of approx. 25 kg was also achieved with this conversion."

Ecco come Daniel descrive la sua realizzazione: "Il concetto era chiaro – la moto doveva risultare bassa e nera. In caso contrario, la moto è difficile da categorizzare: sprint racer, dragster, cafe racer, cafe bobber? Nessuna definizione le sta davvero bene. In effetti, la XJR ha un suo preciso stile. Nel risultato è facile riconoscere la mano del designer. Look essenziale, senza fronzoli. Solo ciò che doveva essere cambiato è stato cambiato. Il carattere fondamentale della XJR è tutto lì, nonostante il notevole lavoro. Ma la Yamaha finisce per risultare più elegante. Ora è una macchina che visivamente rende perfettamente il suo carattere muscolare. Certo non può dirsi comoda, ma aprire il gas e sentire il rombo del 1200 è puro divertimento: il suono è indescrivibile, pelle d'oca garantita! Nera, grossa e potente! L’assetto dragster era un obiettivo. Grazie alle forcelle sfilate di 3cm, la sella piatta e il parafango posteriore minimal, la linea desiderata è stata ottnuta con successo. Il telaio posteriore ha dovuto essere significativamente ridotto per poter avere l’effetto voluto della coda. Il cupolino, spostato quanto possibile verso il basso, sposta visivamente in avanti le messe. Gli indicatori a LED Mini sono stati integrati direttamente nel telaio e, di fatto, sono invisibili se non sono attivati. Il manubrio è di una Suzuki Bandit GSF650, incrementato di ben 10cm e sagomato. Un tachimetro Koso DB-01 sostituisce gli strumenti originali. I pneumatici sono Metzeler Sportec RR M7 - caratterizzati da un ottimo grip ma relativamente resistenti all’usura. Le tabelle portanumero 27 sono una caratteristica delle mie realizzazioni. Il nero, liscio e lucido è stato utilizzato come una lacca. La riduzione del peso complessivo è di circa. 25 kg."













Share this:

ABOUTINAZUMA CAFE

You are reading Inazuma Cafe: probably the best Italian, English speaking, custom/caferacer motorcycles' website. / Siete all'Inazuma Café: probabilmente il miglior sito italiano, anche in lingua inglese, in materia di moto custom/caferacer.

JOIN CONVERSATION

    Blogger Comment

0 comments:

Post a Comment

Unsigned comments will be removed / I commenti non firmati saranno rimossi.