BMW R75 Classic Cafe


BMW R75/5 recently rebuilt by Scott Halbleib of H-Garage 

A gentleman from Missouri contacted me (…) – Scott says – The donor was really nice so I set off on creating a few design concepts. The client had provided quite a bit of input but it was all over the spectrum. I love the look of the bikes, so the plan was to maintain a classic look, add some modern details and give it a bit more attitude. A bit of a departure from what I usually produce but was looking forward to the challenge”. The motor and frame were cleaned, prepped and painted. Scott sourced a long wheelbase swingarm, driveshaft and rear brake arm to replace the short version. The bike was then reassembled and delivered to Cliff Meyer at Meyerbuilt Metalworks… “I had originally thought I would build mono shock myself but as he was just a couple hours away and did amazing work, it was an easy decision to source this out”. Scott worked with Chad Francis of Retrowrench to complete some mechanical upgrades including Dyna ignition and the rewiring. Chad set off working his magic on the carbs while Scott sourced a wicked little battery from Speed cell that he was able to locate in the airbox along with the air filter. The front was dropped one inch and suspensions stiffened up for better handling. “I immediately knew I wanted to use the Coker Diamond tread tires and also wanted to use a larger sidewall. Wheels were painted to match the motor, then baked and new rubber was mounted. The required lengthening the front strut and fork brace. I decided to use a front fender out back as well to hug both tires and built a custom strut and swingarm bracket to mount. It was finished off with n old school beehive taillight”. Mufflers were swapped out for some turnouts which required machining the rear brake pedal to wrap around, then exhaust and mufflers were painted with high temp black paint. New low-rise handlebars from Flanders, controls were stripped to bare aluminum, headlight bucket was lowered by way of some new aluminum headlight ears, and bicycle grips from Brooks were machined to work with the stock metal throttle, thanks to some meticulous machining from Will Ramsey of Faith Forgotten Choppers, honing out the collars and shaving down the throttle tube a millimetre at a time. “Not having all of the necessary equipment seems to be a hinderance most of the time but it allows me to work with others who I look up to, so in the end it’s almost a blessing” Scott says. The tank was raised 1/4” in the back to parallel the motor a little more closely. Scott’s goal was to have the tail section suspended, keeping it low, and following the turndown line on the tank, which would also mean scooping out the back to allow for adequate suspension travel. Panels were folded and rounded to make the basic shape and the top side was hammered out and welded up. Bobby Fulkerson slicked and painted the tins and new tail side panels were stripped in an aluminum finish. “The seat was designed and redesigned, settling with the diamond pattern to match the tire tread and adding a recessed aluminum plate to tie everything together. Then it was sent to the upholstery whiz in Oregon, Ginger of New Church moto to work her magic - and of course she did, again.” Scott is very happy with the bike: “As always, I wish there was more time and money but I think for what we had to work with, it’s a solid design with nice fit and finish. The client is ecstatic so that’s what really matters in the end.” 



"Un gentiluomo del Missouri mi ha contattato (...) – Racconta Scott – La moto era così bella che ho subito elaborato alcuni concepts. Il cliente mi aveva fornito sufficienti indicazioni, ma erano comunque indicazioni di massima. Rispetto le personalità delle moto, dunque il progetto è stato quello di mantenere un look classico, aggiungere alcuni dettagli moderni e dargli un po' più di aggressività. Diverso da quel che di solito produco, ma non vedevo l’ora di accettarela sfida". Motore e telaio sono stati ripuliti, preparati e verniciati. Scott ha fornito un forcellone a passo lungo, albero cardanico e braccio del freno posteriore per sostituire la versione corta di serie. La moto è stata poi rimontata e consegnata a Cliff Meyer di Meyerbuilt Metalworks... "Inizialmente, avevo pensato di fare da solo la trasformazione in monoammortizzatore, ma siccome Cliff è solo a un paio d'ore da me e fa lavori incredibili, decidere di far fare il lavoro a lui è stato un attimo". Scott ha lavorato con Chad Francis di Retrowrench per effettuare alcuni aggiornamenti meccanici, tra cui l’accensione Dyna e il ricablaggio. Chad ha fatto miracoli sui carburatori mentre Scott si è occupato di installare la nuova batteria ultraleggera della Speed cell nell’air box, insieme al filtro dell'aria. L’avantreno è stato abbassato di 2,5 cm e le sospensioni irrigidite per migliorare la guidabilità. "Sapevo dall’inizio che avrei scelto pneumatici Coker Diamond a spalla alta. Ciò ha richiesto di ritarare la ciclistica. I cerchi sono stati verniciati a forno dello stesso colore del motore. Ho deciso di usare un parafango anteriore al retrotreno, per coprire i pneumatici e ho realizzato una staffa per il montaggio del forcellone. Il fanale posteriore old school è stato il tocco finale". I nuovi terminali di scarico hanno imposto una modifica al pedale del freno, poi scarico e silenziatori sono stati verniciati in nero per alte temperature. Nuovo il manubrio a curva bassa Flanders, alluminio dei comandi è stato portato a vista, faro anteriore abbassato con nuove staffe in alluminio; le manopole Brooks sono state adattate al comando del gas di serie, grazie al lavoro meticoloso di Will Ramsey di Faith Forgotten Choppers, fresando il tubo di un millimetro alla volta. "Non disporre di tutte le attrezzature necessarie la maggior parte delle volte è un problema, ma mi permette di lavorare con persone che per me sono un riferimento, e alla fine è quasi una benedizione", dice Scott. Il serbatoio è stato sollevato di poco più di mezzo centimetro nella parte posteriore per renderlo parallelo al motore. L'obiettivo di Scott era quello di avere la coda sospesa, mantenendola bassa, e seguendo le forme del serbatoio, e ciò ha comportato di lavorare il pezzo in modo da assicurare la giusta corsa del mono. I pannelli sono stati lavorati a mano per ottenere la forma voluta. Bobby Fulkerson si è occupato della finitura e dei nuovi pannelli laterali coda finiti in alluminio lucido. "La sella è stata progettata e riprogettata, pensando alla finitura capitonnè per richiamare il disegno del battistrada delle gomme e con l'aggiunta di una piastra di alluminio incassata per legare il tutto. Poi è stato Ginger di New Church moto, mago tappezzeria in Oregon, a compiere il miracolo". Scott è molto contento del risultato: "Come sempre, mi piacerebbe che ci fosse più tempo e denaro. Ma credo che per quello che abbiamo avuto a disposizione, si tratta di un progetto assai valido, rifinito e di belle forme. Il cliente è entusiasta ed è quello che, alla fine, è cià che davvero conta". 









Photo credit: Rob Haynes
http://www.hgarage.com/
H GARAGE - Louisville (KY) USA

Share this:

ABOUTINAZUMA CAFE

You are reading Inazuma Cafe: probably the best Italian, English speaking, custom/caferacer motorcycles' website. / Siete all'Inazuma Café: probabilmente il miglior sito italiano, anche in lingua inglese, in materia di moto custom/caferacer.

JOIN CONVERSATION

    Blogger Comment

0 comments:

Post a Comment

Unsigned comments and comments containing links will be removed.
I commenti non firmati e quelli che contengono links saranno rimossi.