The American Scram Project


At BCR they say that they have always been fascinated with dual-sport/enduro motorcycles... This 1999 Sporty is the way they intend a scrambler to be ridden "in style"... 

Alla BCR sono sempre stati affascinati dalle moto dual sport e enduro... Questa Sportster del 1999 è la loro interpretazione di una scrambler "stilosa"...




At BCR they say that they have always been fascinated with dual-sport/enduro motorcycles like BMW's GS, KTM's EXC, Yamaha's XTs, etc. and they wanted to build something similar to those bikes, but not as extreme. So they envisioned motorcycles that you can ride in the street "in style", ready to afford rough roads as well and, most of all, bikes that you can just have fun with: urban commuters and back roads adventure bikes at once. Apparently, for years the Benjies Cafe Racers' shop in New Jersey housed an old 1999 HD 883 Sportster. So, together with the XR400R (just featured on these pages), they also decided to start the American Scram Project. “Much like any stock Sportster, the Scrambler started in a dropped-rear cruiser stance. With the front end high & the seat down low, we knew exactly what our first modifications would be”. The front was lowered mounting 90’s GSX1000 USD forks. The Harley front hub was saved, but BCR machined a new front axle and an adapter to accommodate the GSX's double disc brakes. To raise the rear they switched to longer rear shocks and raised the shock mounts by an inch. Spoke wheels were also equipped with aluminum raised-center "dirt catcher" rims by Borrani and dual purpose tires. 

Alla BCR dicono di essere da sempre affascinati dalle moto dual-sport/enduro come la BMW GS le KTM, le Yamaha XT, ecc. e hanno voluto realizzare qualcosa di simile, ma non di così estremo. Così hanno immaginato moto da strada eleganti, ma pronte all'occorrenza ad affrontare sterrati e, soprattutto, divertenti: commuters urbani e fuoristrada ignoranti allo stesso tempo. A quanto pare, da anni l'officina Benjies Cafe Racers del New Jersey ospitava una 883 del 1999. Così, insieme alla XR400R (appena presentata su queste pagine), è nato il progetto American Scram. "Proprio come ogni altra Sportster di serie, la Scrambler aveva un assetto seduto, in perfetto stile cruiser. Con l'avantreno rialzato e la sella bassa, e sapevamo esattamente ciò che avremmo dovuto fare anzitutto". L'avantreno è stato abbassato con il montaggio di una forcella USD di una Suzuki GSX1000 anni '90. Il mozzo anteriore Harley è stato conservato, ma è stato realizzato un nuovo perno ruota e un adattatore per i freni a doppio disco. Per sollevare il retrotreno sono stati scelti ammortizzatori con interasse maggiorato e i relativi supporti al telaio sono stati allungati di un pollice. Le ruote a raggi sono state dotate di cerchi di Borrani e pneumatici entro-fuori strada.



When considering options for a tank, we decided this bike would be best fit with an original design so we made one following the design of the Harley's V-twin motor. We added a stainless rack for detail and set the Monza gas cap off center. To finish off the tank, we added a black flame graphic to an otherwise bare aluminum polished finish.” The custom seat has been designed as narrow as possible without exposing the frame rails. The seat pan is fiberglass, wrapped in high density foam covered by cowhide leather. “After finalizing the design of the seat we made a custom oil tank to fit inside the midsection of the frame. Here, we notched the inside to fit a gel-cell battery giving this used-to-be cruiser the option for a rougher ride. We then added an aluminum number plate with a black patch and gold pinstripe”. Custom aluminum fenders were made to match the number plate and the gas tank. “We fabricated a front skid plate (also out of aluminum) with ventilation slots to cool the voltage regulator and then fashioned a small dashboard out of mild steel that we designed to fit the stock tachometer and warning lights. We then designed stainless footpegs & foot controls that are mounted in the mid-section of the bike”.

"Per quanto riguarda il serbatoio, abbiamo deciso per un progetto originale e quindi ne abbiamo realizzato appositamente uno seguendo le linee del motore V-twin. Abbiamo aggiunto un piccolo portapacchi in acciaio e inserito il tappo serbatoio Monza in posizione disassata. Per finire, abbiamo aggiunto un elemento grafico nero e una finitura lucida sull'alluminio, altrimenti completamente lasciato al naturale". La sella artigianale è stata progettata il più stretta possibile ma sufficiente a non lasciare esposto il telaio. La base è in fibra di vetro, ricoperta da schiuma di polietilene ad alta densità e rivestita in pelle di vacchetta. "Dopo aver completato la sella abbiamo realizzato il serbatoio olio da adattare all'interno del telaio e vi abbiamo ricavato una nicchia per la batteria al gel-cell in modo da rendere questa ex cruiser adatta a un uso un po' più spregiudicato. Abbiamo poi aggiunto una tabella porta numero in alluminio verniciata in nero con filo d'oro". I parafanghi sono stati realizzati artigianalmente in alluminio in stile con il resto della carrozzeria. "Abbiamo fabbricato una piastra paramotore anteriore (sempre in alluminio), con fori di ventilazione per il raffreddamento del regolatore di tensione e poi modellato un piccolo cruscotto di acciaio per accogliere le spie e il contagiri di serie". Pedane e comandi sono stati realizzati in acciaio.






The chrome finish of the engine was removed by sandblasting the side covers and the top end. The engine was bored to 1200cc. “We made our own air filter box out of aluminum & covered the air inlet with a stainless wire mesh. The stock belt drive was then swapped out for a chain final drive & the side cover of the engine was cut out, exposing the front sprocket & gold chain”. An additional important touch has been the new bespoke 2in2 exhausts expressly built for the bike... What should we say? Superb!

Le cromature del motore sono state rimosse mediante sabbiatura sui carter e i coperchi delle teste. Il motore è stato portato a 1200 cc. "Abbiamo realizzato appositamente la scatola del filtro aria in alluminio e ricoperto la presa d'aria con una rete in acciaio. La trasmissione a cinghia è stata sostituita da una finale a catena e il carter è stato tagliato esponendo il pignone e la catena color oro". Un ulteriore importante tocco è stato il nuovo scarico artigianale 2 in 2 espressamente realizzato... Che dire? Superba! 




Share this:

ABOUTINAZUMA CAFE

You are reading Inazuma Cafe: probably the best Italian, English speaking, custom/caferacer motorcycles' website. / Siete all'Inazuma Café: probabilmente il miglior sito italiano, anche in lingua inglese, in materia di moto custom/caferacer.

JOIN CONVERSATION

    Blogger Comment

0 comments:

Post a Comment

Unsigned comments will be removed / I commenti non firmati saranno rimossi.